Nevicate diffuse lunedì 25 Aprile in Appennino: quote e possibili accumuli

Nevicate diffuse lunedì 25 Aprile in Appennino

La giornata di lunedì 25 Aprile porterà con se nuove piogge,temporali e nevicate. Cerchiamo di vedere un pochino più nel dettaglio quale potrebbe essere l’effettiva situazione che verrà a crearsi.

Tra la nottata e la prima mattinata di lunedì l’aria fredda farà irruzione sulla nostra Penisola con maggiore decisione.

hopp

Da notare come alla quota di riferimento di 850 hpa, circa 1550 metri,sarà diffusa una -1°C/-3°C su gran parte della dorsale.

Le precipitazioni risulteranno nevose a partire dai 1000/1200 metri ma in occasione dei rovesci più forti, la neve farà la sua comparsa anche più in basso e fin i 700/800 metri di quota.

presentissimi

Sull’Appennino Tosco-Emiliano, Marchigiano e Abruzzese a fine evento potranno essere accumulati, oltre i 1800 metri più 25/30 cm, mentre tra i 1000/1200 metri ci attendiamo un’imbiancata con accumuli che dovrebbero aggirarsi attorno ai 10/15 cm.

Rimarchiamo però che, gli accumuli possono essere soggetti a delle variazioni.

La neve tornerà ad imbiancare anche Capracotta e i rilievi molisani.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Neve copiosa in arrivo sulle Alpi, vediamo la situazione nel dettaglio

Neve abbondante in arrivo sulle Alpi, ecco la situazione nel dettaglio

Nel prossimo fine settimana una forte fase di maltempo interesserà la nostra Penisola causando delle forti piogge, temporali e copiose nevicate su tutto l’arco alpino.

Nella giornata di Sabato la neve cadrà abbondante specie sull’arco alpino occidentale, con la neve che cadrà abbondante fino alla città di Cuneo. Quota neve lievemente più elevata sui restanti settori alpini.

che neves

Nella giornata di sabato assisteremo ad un graduale rialzo termico, questo a causa dell’intensificazione dei forti venti di scirocco in risalita dal Nord Africa.

Sulle Alpi Piemontesi avremo dunque un rialzo della quota neve fin sugli 800/1000 metri, mentre per quanto riguarda le aree alpine orientali la quota si stabilizzerà tra i 1400/1600 metri di quota.

Oltre i 1700 metri di quota, specie sulle Alpi occidentale potrà cadere oltre 1 metro di neve fresca.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Neve forte nelle prossime ore sulle Alpi, accumuli abbondanti

Forti nevicate sono attese nelle prossime ore sulle Alpi

Già dalla nottata di sabato delle nevicate stanno interessando le aree alpine del Nord Ovest, ma il vero e proprio peggioramento avverrà nelle prossime ore quando la perturbazione impatterà in modo più deciso sulla nostra Penisola.

Sono attese delle nevicate abbondanti in generale su tutto l’arco alpino, ma in particolare e specie nel pomeriggio forti nevicate si verificheranno sui settori centrorientali, con accumuli che oltre i 1700 metri di quota andranno a superare anche i 70 cm di neve fresca.

super neig

In particolare gli accumuli più importanti sono attesi su Dolomiti, basso Trentino,     e in generale su tutta la fascia prealpina. La quota neve si attesterà in media attorno ai 1000 metri, ma localmente specie sulle aree Piemontesi e le vallate dolomitiche la quota neve potrà portarsi fino a 500/600 metri di quota.

Finalmente neve.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Crollo delle temperature oltre gli 8/10°C nelle prossime ore e neve in arrivo in Appennino

Crollo delle temperature nelle prossime ore, torna la neve in Appennino

Una situazione veramente anomala quella che sta condizionando il clima dell’Europa occidentale, con temperature eccezionalmente miti per il periodo e lo zero termico oltre i 4000 metri sulle Alpi occidentali. Da associare a tutto questo, c’è l’ormai conclamata assenza di piogge che dura più o meno ovunque dalla fine dell’estate scorsa.

Nelle prossime ore, la situazione muterà radicalmente a causa della discesa di un fronte freddo dal Nord Europa che riporterà le temperature in media col periodo, se non addirittura al disotto. Assisteremo dunque, specie tra la serata di mercoledì e la mattinata di giovedì ad un vero e proprio crollo delle temperature di oltre 8/10°C.

blasts

La notizia vera e propria è che tornerà pure la neve, infatti dalla serata le precipitazioni interesseranno prima i crinali Emiliani, poi quelli toscani, dalla tarda serata l’Appennino Marchigiano e poi tra la notte e la mattinata di domani le nevicate si estenderanno anche sulle aree abruzzesi e molisane fino a quote comprese o inferiori ai 1000 metri. Dal pomeriggio di giovedì la situazione andrà velocemente migliorando.

C’è da dire, che vista la parziale o quasi totale fusione del manto nevoso su gran parte degli impianti sciistici del Centro Italia probabilmente questa velocissima passata non sarà sufficiente a dare un po’ di tranquillità agli operatori turistici, che da sabato potrebbero trovarsi nuovamente nelle medesime condizioni della giornata odierna.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Tra mercoledì e giovedì torna la neve in Appennino, nel week-end sulle Alpi

Tra mercoledì e giovedì neve in Appennino, tra sabato e domenica neve anche abbondante sulle Alpi

L’alta pressione sarà costretta ad indietreggiare nelle prossime ore a causa della discesa di un fronte freddo dal nord Europa, da questa situazione ne conseguiranno delle nevicate sul settore appenninico tra la notte di mercoledì e la mattinata di giovedì. Non si dovrebbe trattare di nevicate particolarmente abbondanti, tanto che un miglioramento delle condizioni meteorologiche è atteso già nel corso delle prime ore pomeridiane della giornata.

La quota neve si assesterà tra i 900/1000 metri.

Per quanto riguarda le nostre Alpi: una perturbazione nel corso del prossimo week-end interesserà la nostra Penisola riportando la neve sulle aree Alpine e le piogge dove praticamente nel corso dei mesi autunnali e invernali non è mai piovuto.

Le nevicate potranno risultare anche abbondanti, vedete questa grafica elaborata dal LAMMA Toscana, inerente ai possibili accumuli nevosi delle prime ore della mattinata di sabato.

lesalp

La neve in generale dovrebbe cadere a quote di media montagna, ma visto che siamo oltre il limite previsionale dei tre giorni ci riserviamo di fornirvi maggiori dettagli nei prossimi aggiornamenti.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Neve in arrivo sulle Alpi tra sabato e lunedì

Torna la neve sulle Alpi tra sabato e lunedì

Non solo le piogge, nel fine settimana tornerà a cadere la neve sulle Alpi. Le nevicate a tratti potranno risultare anche moderate.

Nev alp

In particolare tra la giornata di sabato e quella di lunedì la neve dovrebbe interessare tutto l’arco alpino.  Ad essere maggiormente interessate da tale fase di maltempo saranno i versanti orientali delle Alpi, dove oltre i 1400 metri di quota potranno verificarsi accumuli anche superiori ai 20 cm.

Un’imbiancata è attesa anche sulle Alpi occidentali con la quota neve che si assesterà attorno ai 1300 metri di quota, localmente anche più in basso.

Nella giornata di lunedì è atteso un nuovo peggioramento delle condizioni meteorologiche, con precipitazioni anche consistenti che interesseranno l’arco alpino da Occidente a Oriente.

Ne riparleremo….

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Neve in Appennino tra mercoledì e giovedì

Neve anche in Appennino tra mercoledì e giovedì

Non solo sulle Alpi, ma nelle prossime ore una lieve diminuzione delle temperature contribuirà ad un abbassamento della quota neve anche sull’Appennino.

In particolare tra la giornata di mercoledì e quella di giovedì sono previsti dei fenomeni anche al disotto dei 1500 metri di quota, in particolare tra le Marche e l’Abruzzo. Questi gli accumuli previsti in 24 ore dal centro di calcolo Lamma.

neg1

Non si dovrebbe trattare di precipitazioni particolarmente di rilievo, anche se con probabilità saranno capaci di restituire alle nostre montagne un paesaggio simil invernale.

Nonostante ciò, l’inverno sulla nostra Penisola continua a mantenersi lontano.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Maltempo: nuovo peggioramento con piogge, forti venti e abbondanti nevicate in Appennino

In arrivo una nuova fase di maltempo con piogge, forti venti e neve abbondante in Appennino

loffice

Una nuova fase di maltempo nel corso della settimana interesserà la nostra Penisola.

In particolare nella giornata di giovedì verrà a scavarsi un centro di bassa pressione sul Tirreno, con le regioni del Centro-Sud che saranno quelle più interessate. Si tratterà, stando alle ultime elaborazioni di un vortice strutturato a tutte le quote con valori inferiori ai 995 hpa.

Tornerà la pioggia e qualche temporale specie sulle tirreniche, con neve abbondando in Appennino specie tra Abruzzo e Molise dove non si escludono proprio tra giovedì e venerdì degli accumuli “importanti”.

Vento d

Bisognerà prestare attenzione ai forti venti dai quadranti settentrionali che spazzeranno sulla nostra Penisola. Il vortice di bassa pressione si muoverà prima, entro venerdì, sul basso Tirreno e poi traslerà sullo Ionio entro la giornata di sabato.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti