Meteo settimana: in arrivo nuove nevicate e un generale calo delle temperature tra il 16-18 di Marzo

Nuova settimana con condizioni di tempo instabile. Sono attese nuove nevicate al Nord e sulle regioni del versante Adriatico

Condizioni di tempo instabile ormai da qualche giorno stanno interessando la nostra Penisola. Nelle prossime ore la situazione non sembrerebbe destinata a mutare in meglio.

Infatti, nel corso della prossima settimana e in particolare nel periodo che va dal 16-18 di Marzo, un nucleo di aria fredda in moto retrogrado potrebbe raggiungere parte della nostra penisola causando i suoi maggiori effetti sulle nostre regioni del versante Adriatico e del Nord Italia.

Itali

Dunque assisteremo ad un nuovo calo delle temperature con valori che potranno assumere dei connotati simil invernali. Si rinnoveranno condizioni di instabilità, sia al Nord Italia ( con effetti da valutare ) che sui settori del versante adriatico dove saranno possibili ulteriori nevicate anche a quote collinari.

Nelle prossime ore forniremo nuovi aggiornamenti al riguardo.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Ancora neve in Appennino nelle prossime ore

Altra neve in Appennino nelle prossime ore

Marzo è cominciato con un tempo molto dinamico e freddo rispetto a quello che invece sono stati i mesi di Gennaio e Febbraio.

Alcuni vortici di bassa pressione, a ripetizione, tendono a penetrare nel Mediterraneo portando delle condizioni di tempo instabile e perturbato.

Nelle prossime ore e fin verso il prossimo fine settimana, continuerà a cadere la neve sulle nostre regioni del versante adriatico. Quota neve che sarà compresa in generale tra gli 800/1000 metri, ma localmente anche più in basso.

battito

Tra sabato e domenica un nuovo peggioramento delle condizioni meteorologiche dovrebbe abbracciare il nostro centro-sud Italia con nuove piogge e nuove nevicate sulla dorsale.

Ne riparleremo nelle prossime ore.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

La neve imbianca Torino: video e webcam in diretta

La neve imbianca Torino, webcam in diretta e video

Una profonda bassa pressione presente sulla Francia sta causando forte maltempo sulle regioni di Nord Ovest. Piogge a tratti anche intense stanno cadendo sulla Liguria, mentre fiocchi di neve giungono a bassa quota e localmente anche al piano sul Piemonte.

Segnaliamo una nevicata in atto sulla città di Torino che potete osservare da questo breve clip che ci invia il nostro amico Antonio Fiorito. Non si tratta comunque di una nevicata “asciutta”, ma pesante in quanto le temperature sono davvero al limite.

Di seguito e al link, cliccando, potete osservare la situazione in diretta.

https://www.skylinewebcams.com/it/webcam/italia/piemonte/torino/ponte-vittorio-emanuele.html

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Neve copiosa in arrivo sulle Alpi, vediamo la situazione nel dettaglio

Neve abbondante in arrivo sulle Alpi, ecco la situazione nel dettaglio

Nel prossimo fine settimana una forte fase di maltempo interesserà la nostra Penisola causando delle forti piogge, temporali e copiose nevicate su tutto l’arco alpino.

Nella giornata di Sabato la neve cadrà abbondante specie sull’arco alpino occidentale, con la neve che cadrà abbondante fino alla città di Cuneo. Quota neve lievemente più elevata sui restanti settori alpini.

che neves

Nella giornata di sabato assisteremo ad un graduale rialzo termico, questo a causa dell’intensificazione dei forti venti di scirocco in risalita dal Nord Africa.

Sulle Alpi Piemontesi avremo dunque un rialzo della quota neve fin sugli 800/1000 metri, mentre per quanto riguarda le aree alpine orientali la quota si stabilizzerà tra i 1400/1600 metri di quota.

Oltre i 1700 metri di quota, specie sulle Alpi occidentale potrà cadere oltre 1 metro di neve fresca.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Dopo l’anticiclone nel week-end, clima più freddo dalla prossima settimana

Dopo l'anticiclone del week-end, atteso un clima più freddo per la prossima settimana

buongiorno sere 2

L’inverno continua a latitare sulla nostra Penisola non mostrando, almeno per ora, alcun cenno di ripresa. Nelle prossime ore un promontorio anticiclonico si affaccerà sulla nostra Penisola consentendo un netto aumento delle temperature ovunque.

Da lunedì però si potrebbe tornare ad assaporare un clima più vicino alla normalità del periodo, con una serie di perturbazioni che in settimana potrebbero affluire verso il Mediterraneo, portando dei rovesci sparsi e qualche nevicata in montagna sulle Alpi e in Appennino.

Per ora, più di così non si può fare. Questa stagione invernale, che verosimilmente terminerà con il 29 di Febbraio, sarà destinata a chiudere con un’anomalia termica pesantemente positiva.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Domenica in Appennino lo zero termico schizzerà oltre i 2000 metri di quota

Domenica lo zero termico in Appennino schizzerà oltre i 2000 metri di quota

Per tutti gli operatori sciistici quest’anno ci sarà da combattere con la situazione neve fino alla fine. Questa stagione particolarmente altalenante fino ad ora non è mai riuscita a decollare.

Nella notte delle nevicate a tratti anche di moderata intensità hanno interessato gran parte dell’Appennino centro-settentrionale, restituendo alle nostre montagne quel paesaggio invernale che le piogge dei giorni scorsi gli avevano tolto.

abets4

Tuttavia si tratterà di una situazione momentanea perché nelle prossime ore e in particolare dalla serata, una nuova perturbazione porterà un forte aumento delle temperature.

fress

Come potete osservare dalla grafica entro la mattinata di domani lo zero termico in Appennino si porterà ad 8000 piedi, che corrispondono più o meno a 2430 metri di quota.

Forti venti da Sud-Ovest spazzeranno su tutta la dorsale contribuendo alla parziale e quasi totale fusione del manto nevoso. L’aggravante sarà dato dal fatto che nella giornata di domenica a prevalere saranno le piogge, anche moderate.

 

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti