Da mercoledì caldo africano verso il Centro-Sud Italia: tendenza 13-19 Giugno

Tendenza settimanale 13-19 Giugno, caldo africano verso la nostra Penisola

La settimana comincia con qualche strascico di instabilità, che continuerà ad essere la diretta responsabile della genesi di qualche temporale specie nelle interne, al Nord Italia e sulla dorsale appenninica.

Da mercoledì però cambieranno le carte in tavola, perché una saccatura nord-atlantica sprofonderà prima sulla Penisola Iberica e poi verso l’Africa.

saves

Tale situazione, andrà ad innescate una controrisposta dell’anticiclone nord-africano che si attiverà e si porterà per qualche giorno verso la nostra Penisola, e in particolare sul Centro Sud Italia.

Le temperature, specie al sud potranno andare oltre i +30°C, così come sui Balcani meridionali e sulle regioni del medio/basso versante adriatico. Il nord, invece, rimarrà un po’ al confine di tale situazione e non mancherà qualche episodio di instabilità.

Attenzione però, perché dopo questa risalita calda la saccatura sposterà il proprio asse verso levante. Questo potrebbe essere causa di maltempo su alcune regioni, già dal prossimo fine settimana.

Ne riparleremo.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Settimana di Natale: alta pressione ancora protagonista

Nella settimana di Natale a dominare lo scenario meteorologico sarà ancora l'alta pressione

anomalie

La settimana di Natale come anticipato la volta scorsa dovrebbe risultare ancora una volta condizionata dall’alta pressione.

Alta pressione che visto il perdurare della situazione comincia ad assumere caratteristiche di eccezionalità. Il tempo quindi, nella settimana del Santo Natale si manterrà tutto sommato stabile e mite su gran parte delle nostre regioni.

Tale situazione favorirà l’avvento delle nebbie sul nostro Paese specie sulla Pianura Padana e sulle vallate del Centro Italia. L’inquinamento continuerà a mantenersi piuttosto elevato specie al Nord Italia, ma anche sulle regioni del Centro.

Le temperature si manterranno piuttosto miti e le Alpi e gli Appennini probabilmente fino a fine anno non vedranno neve.

Ne riparleremo…

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Nuova settimana eccezionalmente mite, quando una via d’uscita da questa situazione?

Una nuova settimana eccezionalmente mite interesserà la nostra Penisola ma anche molti Paesi europei

Eccezionaleeeee

Lo scenario meteorologico che è andato delineandosi per questi giorni, ma anche per l’imminente futuro non è e non sarà consono alla normalità del mese di Novembre.

Un’anticiclone anomalo, una figura ad Omega potremmo definirla, tiene sotto scacco gran parte dei Paesi Europei garantendo un tempo secco ed eccezionalmente mite. A sorprendere è la durata e la forza di questa “configurazione” più consona ai mesi estivi piuttosto che a quelli tardo autunnali.

Nei prossimi giorni, almeno per i prossimi 5-6, non avremo dei stravolgimenti riguardo questa situazione che continuerà a portare delle temperature “anomale” anche in montagna. Nelle ore centrali delle giornate verranno raggiunte delle temperature massime alla quota di 1500 metri che rispecchieranno i valori del mese di Luglio.

Un primo segnale di qualche possibile cambiamento si intravede solamente dopo il 18-20 del mese.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti