La Protezione Civile avvisa: le aree a rischio temporali per la giornata di sabato

Testo introduttivo dell'articolo da scrivere a parte in fondo alla pagina di inserimento

Il bollettino meteorologico di vigilanza nazionale emesso dalla Protezione Civile e valido per la giornata di Sabato 19 Settembre 2015 mostra quali sono le aree maggiormente esposte al riccio di temporali.

Precipitazioni:
– dal pomeriggio sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Piemonte, Liguria centro-occidentale, Lombardia ed Alto Adige, con quantitativi cumulati da deboli a puntualmente moderati;

isolate, specie nel pomeriggio, anche a carattere di rovescio o breve temporale, sul resto del Nord e su Sardegna, Marche, Lazio centro-meridionale, Abruzzo, Molise, Campania settentrionale, con quantitativi cumulati deboli.

Visibilità: nessun fenomeno significativo.

Temperature: massime elevate al meridione e localmente sulle regioni centrali.
Venti: tendenti a forti nord-occidentali sulla Sardegna, con raffiche di burrasca sui settori settentrionali dal pomeriggio; dal pomeriggio localmente forti settentrionali sui settori alpini, sulla Liguria e sul Triestino.

Mari: molto mosso il Mar di Sardegna; tendenti a molto mossi il Mar Ligure, il Tirreno centrale ed il Canale di Sardegna.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Maltempo: calo termico e temporali nel week-end

La breve ma intensa ondata di caldo che nelle ore precedenti ha fatto salire la colonnina di mercurio fino a portarsi sui +40°C in alcune località sembrerebbe essere agli sgoccioli. Adesso, spazio a un calo termico e temporali.

L’alta pressione che in questi giorni ha causato un notevole aumento delle temperature sulla nostra Penisola, nelle prossime ore batterà in ritirata. Tornerà però protagonista il maltempo in particolare nella giornata di domenica, quando le aree più interessate da possibili rovesci e temporali saranno quelle del versante Adriatico, la Calabria e la Sicilia.

Qualche piovasco è però atteso anche tra Toscana e Campania tra il pomeriggio di sabato e la giornata di domenica con i fenomeni in esaurimento entro sera e che presumibilmente poi lasceranno spazio alle correnti da Nord che spazzeranno i nostri cieli (versante tirrenico).

Associato a tutto questo vi sarà un corposo calo delle temperature che da valori sopra media addirittura di dodici/quattordici gradi si riporteranno nei valori medi del mese di Settembre o riusciranno ad andare al disotto.

Insomma, dopo una fase stabile e incredibilmente calda torna il maltempo.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Ondata di caldo: raggiunti i +40°C a Pescara, è record per Settembre

L’ondata di caldo di cui abbiamo parlato nei giorni scorsi è entrata nel vivo. Nella giornata odierna sono stati raggiunti i +40°C rispettivamente a Foggia, Termoli e Pescara

Un’ondata di caldo anomala sta interessando la nostra Penisola portando valori di temperature piuttosto elevati per il mese di Settembre. In risalto ci sono sicuramente i +40C raggiunti a Termoli, Foggia e Pescara.

Angelini

(Fonte rilevazioni MeteoAm, valori massimi cerchiati in rosso da Luca Angelini)

Pensate che per la città di Pescara dovrebbe trattarsi di un nuovo record per il mese di Settembre. Il valore massimo di temperatura raggiunto nel mese di Settembre era di +39°C e risaliva al 2008.

Gran caldo in generale al Sud Italia, ma in generale come avrete avuto modo di capire sull’Appennino. Tale situazione ha portato maggiori effetti sulle zare dell’adriatico sottoposte all’azione dei venti di caduta del vicino Appennino, parliamo dunque di quel fenomeno che forse avrete qualche volta sentito nominare chiamato Fohn.

La situazione subirà un cambiamento solamente nel corso del fine settimana quando l’alta pressione batterà in ritirata.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Il 28 Settembre naso all’insù per l’eclissi totale di Luna

Il 28 di Settembre, saranno visibili l’eclissi totali di Luna. Si tratterà dell’ultima tetrade delle eclissi Lunari cominciate il 15 Aprile 2014, seguite da quelle di Ottobre e del 4 Aprile del 2015.

In realtà in ognuno di questi casi dall’Italia lo spettacolo si è sempre visto a metà, mentre a goderselo per intero sono stati i cittadini del Nord America. Ma cerchiamo di dare qualche dettaglio in più.

Ema foto 2

L’Eclissi si verificherà a cavallo tra il 27 e il 28 di Settembre prenderà inizio alle ore 02:10 del 28 di Settembre e seguiterà fino alle 07:23 del mattino. Tra le 04:10 e le 05:23 del mattino verrà raggiunto il picco massimo di bellezza poiché la Luna diverrà via via sempre più rossa.

Si tratterà di un vero e proprio evento, di gran lunga più bello di quelli accennati precedentemente, tempo permettendo ovviamente.

Un consiglio, cominciate a lucidare le macchinette fotografiche.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti

Meteo Italia: nuova risalita calda in vista

La fase di maltempo che ha interessato in prevalenza le nostre regioni settentrionali ha causato diversi danni. Nel corso dei prossimi giorni avremo una breve tregua grazie ad una nuova onda calda, che sebbene le ultime emissioni deterministiche sembrerebbero mostrala piuttosto breve e nell’ordine dei 3/4 giorni , sarà intensa.

Le temperature torneranno a toccare e superare specialmente sulle regioni del versante tirrenico i +30°C. Da notare , come da immagine in allegato (Fig 1) tra mercoledì e venerdì alla quota di 850 hpa (1440 metri di quota circa ) sul Centro/Sud Italia sia presente una +20°C.

Sottocorons

Il nord Italia sarà interessato da tale situazione solo in maniera marginale e lambito dunque da correnti più fresche. Nel corso del prossimo week-end la situazione a livello meteorologico potrebbe nuovamente mutare con le temperature che potrebbero tornare a calare portandosi nuovamente in media o al disotto delle medie del periodo.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti